Si è conclusa oggi giovedì 27 luglio la conferenza finale di SocialTech4EU “GREEN AND DIGITAL TOGETHER”, svoltasi presso il Comitato Economico e Sociale Europeo a Bruxelles. L’evento ha visto la partecipazione di numerosi esperti e professionisti impegnati nell’innovazione sociale e nella transizione verde e digitale, promossa dai cluster dell’economia sociale e dagli imprenditori.

Tra i momenti salienti della conferenza, il discorso di apertura tenuto dal Professor Mario Calderini, portavoce di TSI e professore ordinario al Politecnico di Milano, ha catturato l’attenzione del pubblico. Calderini, esperto di Gestione per la Sostenibilità e l’Impatto, ha sottolineato l’importanza di superare i criteri territoriali nella modellazione della politica dei cluster, focalizzandosi invece su conoscenza e coesione. “Queste due dimensioni sono particolarmente importanti all’interno dei cluster dell’economia sociale per promuovere l’innovazione, l’aggregazione della domanda e la scalabilità delle soluzioni,” ha affermato Calderini.

Un altro momento significativo è stato il panel tenuto da Raffaella Scalisi, senior advisor di Torino Social Impact, che ha esplorato il percorso delle PMI e delle startup dall’idea alla scalabilità. La discussione ha offerto preziosi spunti su come supportare e potenziare le piccole e medie imprese nel contesto della transizione verde e digitale.

La conferenza “GREEN AND DIGITAL TOGETHER” ha rappresentato un’importante piattaforma di confronto e networking, facilitando la condivisione di esperienze e buone pratiche tra i partecipanti. L’evento ha concluso con un forte messaggio di cooperazione e impegno verso un futuro più sostenibile e innovativo per l’economia sociale europea.

Il progetto SocialTech4EU, cofinanziato dall’Unione Europea, mira a rafforzare la resilienza, la capacità di innovazione, la competitività e la sostenibilità degli ecosistemi dell’economia sociale, delle start-up e delle PMI dell’economia sociale in relazione alla transizione verde e digitale. L’iniziativa è guidata dalla Fondazione Giacomo Brodolini in collaborazione con cinque organizzazioni provenienti da diversi paesi europei: ENSIE NETWORK (Belgio), Silicon Vilstal (Germania), ADV Romania (Romania), Cluster IDiA (Spagna) e Coompanion (Svezia).