Un centro per il rafforzamento della cultura e delle pratiche valutative, attraverso orientamento, supporto metodologico, formazione, aggiornamento ed allineamento con le metodologie internazionali.

Il Centro di Competenza fa parte del piano strategico di Torino Social Impact ed è promosso dal Comitato per l’Imprenditorialità sociale della Camera di commercio di Torino. Avviato nel 2018 con il supporto tecnico di Human Foundation, è oggetto di un accordo triennale tra l’ente camerale e la Fondazione Compagnia di San Paolo, ed è a disposizione di tutte le realtà del territorio pubbliche e private, profit e non profit.

Conoscenza

Promozione della pratica e della cultura valutativa d’impatto attraverso seminari ed incontri e un corso universitario di aggiornamento professionale realizzato dall’Università degli Studi di Torino

Analisi

Monitoraggio dell’ecosistema, primo orientamento per i soggetti interessati e analisi dei bisogni valutativi

Misurazione

Accompagnamento mirato a condividere metodologie, rafforzare l’ecosistema, e affiancare le organizzazioni nei processi valutativi

Approfondimenti

Lombardo, Giovanni; Mazzocchetti, Andrea; Rapallo, Irene; Tayser, Nader; Cincotti, Silvano. 2019. Assessment of the Economic and Social Impact Using SROI: An Application to Sport Companies Sustainability 11, no. 13: 3612.

 

Banerjee Abhijit, Karlan Dean & Zinman Jonathan. (2015).). Six Randomized Evaluations of Microcredit: Introduction and Further Steps.  American Economic Journal: Applied Economics. 7. 1-21

Il documento riporta l’attività di valutazione di impatto sociale delle Case del Quartiere (luoghi aperti e pubblici; laboratori sociali e culturali nei quali si esprimono pensieri e vissuti collettivi; spazi che avviano esperienze di partecipazione, coinvolgimento e auto-organizzazione) realizzata dall’Istituto di ricerca Euricse.

Vai al documento

L’approccio alla valutazione dei progetti. L’esperienza della Fondazione Compagnia di San Paolo. L’articolo di Impresa Sociale approfondisce l’attività di valutazione di Compagnia di San Paolo, riportando alcune esperienze: la valutazione di un bando e di politiche attive del lavoro implementate da Compagnia.

Lo studio realizzato da CNR-IRPPS descrive l’attività di valutazione di impatto (economico e sociale) del volontariato di Croce Rossa Italiana (CRI) e dell’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze (ANPAS).

Vai al documento

L’organizzazione Europeana (organizzazione europea che lavora con archivi, biblioteche e musei europei per condividere il patrimonio culturale a scopo ricreativo, educativo e di ricerca) ha realizzato un’indagine (SROI) per valutare l’iniziativa che supporta i docenti nell’utilizzo di contenuti culturali digitali resi disponibili per l’insegnamento.

Vai al documento

L’associazione Italiana Contro Le Leucemie-Linfomi E Mieloma (AIL) ha realizzato una valutazione di impatto (curata da Human Foundation) su alcuni specifici servizi dell’area Assistenza Sanitaria e Sociale.

Vai al documento

L’articolo riporta il caso studio della valutazione di impatto della fondazione ANT sul servizio di assistenza domiciliare rivolta a persone malate di tumore. L’indagine valutativa ha utilizzato diversi approcci (controfattuale, theory based, altro).

Vai al documento

Social Value Italia, Percorsi di Secondo Welfare, Avanzi, e ALTIS – Università Cattolica hanno lanciato una call to action per approfondire il tema della valutazione di impatto nelle di politiche di welfare aziendale. L’iniziativa si pone alcuni obiettivi tra cui: coinvolgere i soggetti che si occupano di welfare aziendale, fare rete e mettere a sistema risorse per investire sulla valutazione d’impatto sociale; comprendere i dati relativi al welfare aziendale; elaborare in modo partecipato delle linee guida per realizzare e valutare piani di welfare aziendali orientati all’impatto sociale.

In un’intervista realizzata da Vita il professor Zamagni approfondisce il Community Index proposto da AICCON. Il C-index include un set di indicatori relativi a 4 dimensioni (dimensione identitaria, dimensione inclusiva, dimensione ecosistemica, dimensione trasformativa). L’obiettivo dello strumento è di cogliere la rilevanza e la qualità della relazione tra un’organizzazione e la/e sua/e
comunità di riferimento.

Nell’intervista pubblicata da Secondo Welfare, realizzata da Franca Maino, Laura Orestano parla della valutazione di impatto e dell’approccio delle Fondazioni di impresa a questa attività.

L’articolo di Serena Miccolis, Sara Rago, Paolo Venturi approfondisce il tema della valutazione di impatto nella mission delle fondazioni di origine bancaria, riportando l’esperienza di Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e del suo utilizzo di strumenti di valutazione come approccio strategico.

L’articolo approfondisce alcuni elementi delle Linee Guida per la valutazione di impatto sociale pubblicate dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali (Decreto 23 luglio 2019) rivolte agli Enti del Terzo Settore, invitando a una riflessione sulla pratica valutativa che va oltre la funzione di accountability (rendicontazione).

Il report pubblicato dall’Istituto di ricerca indipendente Brookings approfondisce lo strumento dei SIB (social impact bonds) e degli effetti di questo strumento sull’ecosistema dei servizi. L’analisi si concentra su alcuni claim riguardo all’utilizzo dei SIB, in particolare sul loro contributo nel:

  • costruire una cultura della valutazione e monitoraggio;
  • incoraggiare un approccio di performance management più flessibile e iterativo;
    promuovere innovazione;
  • attirare capitali privati;
  • incentivare processi collaborativi e/o promuovere la sostenibilità dell’impatto.

L’attività di valutazione di alcune esperienze ha evidenziato come l’importanza dei dati e dell’attività di monitoraggio nell’attivazione e gestione di questo strumento, rappresenti un importante meccanismo per promuovere la cultura della valutazione tra pubbliche amministrazioni, provider e investitori.

L’AIV (Associazione Italiana di Valutazione) promuove una serie di seminari nel periodo febbraio-marzo 2021. Il primo si terrà giovedì 25 febbraio 2021 h 16,30.

Iscrizioni 

Sono aperte le iscrizioni al corso curato da Social Value Italia dedicato alla metodologia SROI (Social Return of Investment). Il corso si articola in 6 sessioni e si svolgerà nei mesi di aprile e maggio 2021. Il termine per le iscrizioni è il 22 marzo 2021.