L’associazione culturale non profit PLUG nasce nel 2009 come “incubatore” di creatività, anzi come acceleratore, come strumento a supporto dell’innovazione e del talento più puro, valorizzati in un network di competenze e di professionalità internazionale.
PLUG ha una struttura orizzontale e partecipativa, al suo interno profili professionali, i più diversi, si confrontano su tematiche di carattere pubblico, proponendo alla società azioni partecipate su temi dalle forti ricadute sociali.
Da 10 anni si occupa di comunicazione sociale e progettazione sostenibile. Composta da profili professionali che spaziano dalla progettazione alla comunicazione visiva, fin dalla sua nascita porta avanti progetti culturali nell’ambito educativo, sociale, ambientale ed artistico con l’obiettivo di generare un impatto positivo sul territorio grazie ad un network consolidato di realtà.

Da sempre attiva sul fronte della comunicazione sociale, fin dal suo primo anno di vita gestisce e cura il concorso Posterheroes, giunto oggi alla sua nona edizione. Il concorso, nato dall’ambizione di far riflettere la comunità creativa sui temi della sostenibilità ambientale nella sua più ampia accezione, negli anni ha toccato tematiche che hanno portato l’associazione ad operare ben oltre i confini nazionali, realizzando l’ambizione di creare una rete a livello globale.
Ogni anno infatti, PLUG invita i più prestigiosi nomi del panorama internazionale del graphic design a rendersi parte attiva del contest, facendo da giuria al concorso.
Dopo quattro edizioni Posterheroes vanta più di 10000 poster pervenuti da un centinaio di differenti nazioni e l’attiva partecipazione di circa 70 giurati internazionali. Il carattere internazionale e l’impegno dell’associazione di operare ad ampio raggio, non ha fatto dimenticare la volontà di instaurare, anche e soprattutto, su scala locale spirali virtuose ed evolutive fatte di collaborazione e sinergia con le realtà locali.
Negli anni passati, ogni anno a conclusione del concorso, l’associazione ha organizzato un ciclo di conferenze Serve Essere Eroi?, momento di scambio e di parziale restituzione di quell’immenso patrimonio di idee e suggestioni in campo artistico, tecnico e sociale, con l’obiettivo di mostrare alla città i risultati ottenuti e i messaggi espressi dai partecipanti al concorso attraverso l’allestimento e l’organizzazione di mostre, dibattiti e workshop, eredità raccolta dal Festival Graphic Days Torino.
Posterheroes è stato opportunità di attivazione di una rete significativa, per merito di quelle realtà che su scala locale e nazionale hanno creduto nel progetto, sostenendolo e premiandolo. Il concorso annovera infatti tra i suoi successi l’essersi aggiudicato il bando “Generazione Creativa” indetto da Compagnia di San Paolo, il cui finanziamento ottenuto ha consentito lo studio preliminare del progetto “fa bene” e la realizzazione dell’evento di lancio. Nato nella sua fase embrionale come un intervento urbano, ma sviluppato dall’associazione come azione ben più ampia e attiva, il progetto fa bene, format con l’ambizione di ripetersi in più contesti, rappresenta per PLUG il raggiungimento di un grande obiettivo: il coinvolgimento attivo della società tutta.

Tra gli altri progetti di rilievo, PLUG vanta la fondazione di Print Club Torino, il laboratorio di stampa e sperimentazione grafica nato nel 2015 e il progetto Graphic Days Torino, nato nel 2016, che oggi – dopo 4 edizioni – culmina in un festival internazionale che si tiene annualmente a Torino e ospita i professionisti più rilevanti dello scenario globale nell’ambito della comunicazione visiva.

“Il nostro intento” – commenta il Presidente dell’associazione, Christian Racca – “è quello di utilizzare il design come strumento al servizio del sociale. Siamo fortemente convinti che oggi, in un mondo creato da sistemi interconnessi, sia imprescindibile per qualsiasi professione interrogarsi sulle responsabilità del proprio contributo. Il creativo, in particolar modo, è quello che più di tutti gli altri ha la possibilità di decidere come indirizzare le sue doti e le sue energie. La nostra associazione ha scelto di usare le proprie competenze per comunicare un messaggio etico, impegnandosi nel concreto, giorno per giorno, a promuovere la riflessione sulle tematiche di natura sociale e stimolando un cambiamento nel comportamento delle persone in favore di una società più coesa e consapevole”.